09 novembre 2005

USA delle comodità


Negli Stati Uniti, o perlomeno qui a LA, ci sono una serie di piccole cose in grado di renderti la sopravvivenza giornaliera un pò più "comfortable", di quanto non accada da noi.
Per un ciclista incallito (e penso ad A Vian), tutti i marciapiedi hanno "lo scivolo" proprio nel punto in cui lo desideri tu...solo una volta mi è capitato di voler scendere dal marciapiede e non trovare lo scivolo proprio lì, ma 2 metri più avanti e mi sono subito molto infastidita(...come ci si abitua in fretta alle comodità...). Penso ai ciclisti...perchè è il mio caso ma in realtà tutto è per facilitare la vita alle persone in carrozzella, alle mamme..Gli autobus hanno i primi sedili reclinabili e quando sale un disabile si tirano su in quattro e quattr'otto e fanno posto a due carrozzelle. Per salire e scendere dall'autobus c'è un'apposito scivolo a scomparsa...e per un disabile, salire in autobus, è semplice quasi come per chi non lo è.
Al supermercato c'è un addetto che ti riempie il sacchetto...mentre tu senza cercare soldi o aspettare resti passi la carta nell'apposito lettore.
Tutti i bankomat hanno la possibilità di depositare contanti o assegni...senza dover per forza andare in banca, il pin te lo scegli tu, ...(ma nonostante ciò sono riuscita a dimenticarmelo...!)
A livello lavorativo, ci sono almeno due seminari alla settimana, in cui tu vai per ascoltare una persona che ti illustra il suo lavoro...se il seminario è all'ora di pranzo, c'è un vero e proprio buffet (cibo cinese, messicano, italiano...), se è a merenda ci sono coppe di frutta, torte e cookies, tutto sempre e solo bagnanto dal solito beverone di caffè lunghissimo...e dall'immancabile Coke. Beh, diciamo che ai seminari si va più volentieri che a Genova..

Ti vuoi fare un barbeque? Detto fatto, sotto casa o a pochi isolati, hai giardini pubblici attrezzati con tavoli e BBQ, devi solo comprare la carne e riuscire ad accendere il fuoco...tra me e Veronica (2 perfette girls scout) e Mona , che in quanto americana, è crescuta a BBQ, ci abbiamo messo un a bella oretta...ma il vento non era dalla nostra parte...forse è per questo che ervamo le uniche quel giorno a fare il BBQ?



Veronica e Mona alle prese col fuoco...Marco, avendo già mangiato, guardava "dall'alto" divertito


Alle 5 pm finalmente a tavola



Un bacio



è una zucca pianta...pensavo che quella del mio giardino avesse fatto miracoli quanto a lunghezza...invece...

1 Comments:

Anonymous AndreaV said...

Ciao Fra!
Mi manchi un sacco!
Rispondo alle comodità ciclistiche made in USA con l'ingegno made in Italy: ho finalmente trovato una soluzione all'annoso problema dell'inaffrontabile via Assarotti! In salita prendo l'ascensore di Castelletto e mi godo una panoramicissima circonvallazione a monte (in leggera discesa). In discesa ho scoperto la fantastca creusetta salita inferiore san rocchino che è una vera minivacanza lontano da smog e traffico!
un bacio, a presto!

10/11/05 06:40  

Posta un commento

<< Home